News 25/07/2015 - A.S.D. Aurora Volley Ururi

Vai ai contenuti

Menu principale:

News 25/07/2015

News  25/07/2015 di Rossella Travaglini



Pallavolista molisano nella premier League australiana: "Ho colto al volo un’opportunità"
Dopo 13 anni trascorsi da professionista nelle formazioni di alcune tra le squadre di pallavolo delle massime serie in Italia, nel 2013 la decisione di volare dall’altra parte del mondo, in Australia, dove attualmente vive continuando la propria carriera di pallavolista. Paolo Mecci, 27enne originario di Ururi, da quasi due anni si è stabilito a Mildura, vicino Melbourne. Qui, oltre ad essere impegnato come giocatore nel campionato della Victorian Premier League, allena anche una squadra del settore giovanile. «Sono felice di stare in Australia – dice intervistato da Primonumero.it – nel futuro? Chissà, possono sempre esserci delle svolte».

Mildura. Della sua grande passione, la pallavolo, è riuscito a farne una professione. Dopo aver militato per 13 anni tra le fila delle massime serie del volley italiano, Paolo Mecci ha preso la decisione di lasciare l’Italia per fare esperienza in Australia. «Un amico era partito a marzo del 2013 – racconta in un’intervista – ci siamo sentiti e mi ha parlato di un’opportunità. E’ per questo che a ottobre dello stesso anno sono partito anche io». 24 ore di volo prima di raggiungere il sud est dell’Australia, nello specifico lo stato di Victoria dove Paolo, classe ’88 e originario di Ururi, vive ormai da quasi due anni. «Abito a Mildura, a sei ore da Melbourne – dice ancora – qui sono impegnato come giocatore nel campionato della Victorian Premier League e alleno una squadra del settore giovanile».
203 centimetri di altezza, Paolo ha iniziato con il basket, per poi fare un provino con la pallavolo che lo ha catapultato nel mondo del Volley nazionale.

Quali sono stati i tuoi esordi?
«Ho iniziato a Ururi a 14 anni. Nel 2002 ho fatto un provino per la Lube Macerata. Facevo il primo superiore quando mi hanno preso. Ho giocato 5 anni in serie A, nel settore giovanile del Macerata. Poi sono stato a Civitanova Marche, dove ho giocato per il Volley Potentino. A Lecce, ho militato in B1 con la Sv Galatina; in seguito a Piacenza ho giocato per la Monticelli D’Ongina e poi ancora per il Sant’Antioco Volley in Sardegna. Dopo ho subito un infortunio alla caviglia, quindi mi si è presentata l’occasione dell’Australia».

Quando sei arrivato a Mildura e come hai iniziato a muovere i primi passi nel mondo del ‘volley’ australiano?
«A ottobre del 2013. Un amico mi aveva parlato di un’opportunità. A me poi ha sempre interessato l’inglese. Oltre allo studio mi piaceva guardare i film in lingua originale. Così, da questo punto di vista non ho avuto problemi.
 
In Australia avevo preso contatti con un allenatore. Pian piano ho cominciato a inserirmi. Oggi alleno una squadra del settore giovanile e gioco nel campionato della Victorian Premier League dove militano squadre come quella di Mildura, Bendico, Ballarat. Qui il campionato inizia a marzo».

Come ti trovi?
«In Australia c’è un atteggiamento diverso per lo sport rispetto all’Italia. Ci sono più programmi. Inoltre il clima è molto più rilassato. Qui mi trovo bene. Anche con i miei compagni. Sono contento di stare con loro e di interagire, mi sono ben inserito».



                                    

Dove ti vedi tra qualche anno?
«Per adesso mi vedo in Australia, poi non lo so. A me piace viaggiare e potrebbero esserci delle svolte. Ad ogni modo penso che in Italia non si possa vivere di sport per come stanno le cose attualmente, quindi ho deciso di partire proprio perché non volevo trovarmi a 30/35 anni senza niente in mano».
 
27.07.2015 www.auroravolleyururi.it
Torna ai contenuti | Torna al menu