Home Page - A.S.D. Aurora Volley Ururi

A.S.D. AURORA VOLLEY URURI
Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

La Pen(n)  2015- 2016 numeri precedenti (in evidenza )  scaricabile in (PDF)
La Pen(n)1
La Pen(n)2La Pen(n)3La Pen(n)4
La Pen(n)6La Pen(n)7La Pen(n)8La Pen(n)9La Pen(n)10La Pen(n)11
La Pen(n)12
La Pen(n)13
La Pen(n)14
La Pen(n)15
La Pen(n)16La Pen(n)17La Pen(n)18La Pen(n)19La Pen(n)19La Pen(n)20La Pen(n)21





La Pen (n) precedenti  clicca qui




Ecco qua! È passata un’altra stagione agonistica. Un’ anno in più per i nostri ragazzi, un anno in meno per noi adulti. Tante le soddisfazioni, tante le cose che possono migliorare. Partiamo dalle cose positive, la ciliegina sulla torta è stata la promozione in serie “D” della nostra squadra maschile e di questo ce ne siamo occupati ampiamente (foto, articoli, interviste ecc.). Aggiungo solo che tutto il contesto cambierà: le trasferte saranno lunghe, Aquila e Teramo in primis non sono dietro l’angolo. Arbitri, squadre avversarie, comitato di riferimento saranno novità. Mentre nel Molise eravamo considerate una di 5/6 società che portano avanti il movimento, in Abruzzo saremo gli ultimi arrivati. Buona programmazione, assiduità negli allenamenti, umiltà e orgoglio, massima collaborazione, sono sicuro ci faranno ottenere numerose gratificazioni.
Parliamo della crescita del nostro settore giovanile, sono molto soddisfatto non solo dell’aumento del numero dei partecipanti ai nostri corsi ma soprattutto della loro crescita tecnica. Tant’è che quattro nostri atleti (3 ragazze e 1 ragazzo), sono stati scelti per far parte della rappresentativa regionale. La rappresentativa è una sorta di “nazionale” del Molise ed è un’esperienza che rimarrà indelebile nella vita dei ragazzi che ne fanno parte oltre ad essere un trampolino di lancio per un eventuale futuro pallavolistico. Altro aspetto positivo è stata la collaborazione con alcuni paesi limitrofi, penso e spero che ciò darà buoni frutti nel giro di qualche anno. Veniamo al chiaro-scuro; la manifestazione di chiusura tenutasi al campo sportivo di Ururi, ha suscitato molti apprezzamenti m anche alcune considerazioni critiche. Mi assumo tutte le colpe per le cose non andate al meglio in primis la mancata comunicazione in modo adeguato dell’evento. Spiego il perché: in un primo momento la manifestazione doveva essere riservata solo agli alunni delle scuole medie e allora abbiamo avvisato solo i genitori dei ragazzi di quella fascia d’età, quindi il tutto era abbastanza ridotto. Poi abbiamo pensato di allargare la partecipazione, ma nel periodo in questione non abbiamo avuto la possibilità di vedere i ragazzi in palestra. Ciò ha fatto sì che il messaggio giungesse frammentato e parziale. Ne chiedo scusa. Ma anche qui, tra la non perfetta organizzazione, ho trovato positività. Ho visto infatti, un bel gruppo di genitori disponibilissimo, che ha affrontato tutti i vari problemi creatisi con il sorriso in bocca. Un altro gruppo che ha dato la disponibilità lamentandosi del non coinvolgimento. I presupposti sono buoni, se rimaniamo uniti e coesi non possiamo che migliorare la qualità della vita della nostra comunità. Vedremo i ragazzi sorridere, piangere, divertirsi, abbattersi, discutere, contestare scelte. Ma vedremo sicuramente e soprattutto crescere con sani principi e valori che lo sport con la esse maiuscola sa dare. Un grazie a tutti (non faccio elenchi altrimenti mi scordo qualcuno o qualcosa). Adesso un periodo di riposo. Mettiamo un punto a questa bella stagione agonistica, il punto di solito conclude, il nostro invece deve essere un punto di partenza...

Ad Maiora semper                      Vinc
                                                              Ururi 12 giugno 2016   

L'intervista: Antonio Di Ninno Allenatore Volley Larino - Ururi 2015 - 2016
La Volley Larino-Ururi promossa in serie D, quando l’impegno paga e domenica grande festa della pallavolo
Blogger Michele Mignogna


Larino – c’è poco da fare quando nello sport ci si mette cuore e sacrifici i risultati arrivano, è quello che è successo alla Volley Larino-Ururi, squadra di pallavolo maschile nata due anni fa grazie all’impegno di due nomi storici della pallavolo molisana, il Professor Vincenzo Croce e Antonio Di Ninno, entrambi allenatori della squadra, la pallavolo è tornata più forte che mai. La squadra ha disputato il campionato di prima divisione maschile e con una giornata d’anticipo è stata promossa nella serie D abruzzese, i ragazzi di questa impresa sono loro, il capitano Manes Adamo, Mario d’Adamo, Nicola Cordigliere, Michele Fiorentino, Michele Rosa, Luigi e Andrea Croce, Pardino Pietrantonio, Antonio De Notariis, Angelo Martucci, Edoardo Silvio Lopez, Candido Berardi, Marco Pietrantonio e Omar Al Assuad, poi ci sono i giovanissimi

Luigi Sisto, Giovanni Rea, Francesco Russi e Luigi Di Ninno. Ma la storico impresa non sarebbe riuscita senza la collaborazione dei professori Elvio Petrecca e Fabrizio Pastorini, altri nomi storici della pallavolo molisana. “Ora cerchiamo chi vuole impegnarsi insieme a noi – dice Vincenzo Croce – questo sport richiede sacrifici anche economici, per questo chiediamo, a chi voglia ovviamente, di impegnarsi insieme a noi per il bene di questi ragazzi che tanto hanno dato in questo campionato, cerchiamo sponsor ma non solo, cerchiamo e sono benvenuti anche chi vuole impegnarsi nella società”. Intanto domenica prossima ci sarà l’ultima giornata di campionato proprio a Larino, “sarà una grande festa della pallavolo – dice Antonio Di Ninno – festeggeremo questo traguardo raggiunto invitando tutti coloro che hanno a cuore lo sport e questa città, un particolare ringraziamento va ai nostri sponsor e a tutti coloro che ci hanno aiutato in questo periodo”.
ULTIMI RISULTATI:


PROSSIMI APPUNTAMENTI

SPONSOR
                                                                                                                 
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu